Nagorno Karabakh: cosa c’è da sapere

_Sabato si è riacceso il conflitto nel Nagorno Karabakh, regione montuosa contesa tra Armenia e Azerbaijan. Martedì a Vienna si riunisce il Gruppo di Minsk dell’OCSE per ripristinare la tregua concordata nel 1994. Mosca e Turchia attendono sviluppi.Karabs
_Sebbene l’Azerbaijan affermi di aver seguito il cessate il fuoco, l’esercito armeno ha denunciato diversi attacchi da parte delle truppe di Baku. Sulla violazione della tregua entrambe le parti si stanno accusando a vicenda, essendo ciascuna convinta che sia stata la fazione opposta ad aprire il fuoco. L’accusa che viene lanciata è quella di aver rotto il cessate il fuoco concordato nel 1994, dopo un conflitto durato 6 anni.
Per alcuni, il Nagorno Karabakh è uno dei tanti “frozen conflict” (conflitti congelati) che hanno accompagnato la dissoluzione dell’URSS e parte della recente storia della Federazione Russa.
kaarab

_Origini del conflitto.
In questo caso tutto ebbe inizio nel 1922, quando Josif Stalin, allora Commissario del Popolo per le Nazionalità, dovette gestire la sovietizzazione del Caucaso meridionale. Stalin decise infatti di inscrivere questa regione montana a maggioranza etnica armena all’interno della Repubblica Sovietica dell’Azerbaijan, che si era appena venuta a formare. Armeni e azeri hanno vissuto in pace tra loro durante l’intero periodo sovietico, nonostante le differenze linguistiche, culturali e religiose: gli armeni sono cristiani, gli azeri sono musulmani.
Le cose precipitarono sul finire degli anni ‘80, quando l’URSS era prossima allo scioglimento: nel 1988 gli armeni del Karabakh scesero per le strade della capitale Stepanakert e indirono un referendum nazionale per unificare il Karabakh all’Armenia. Anche a Yerevan, capitale armena, molta gente manifestò in favore degli armeni di questa enclave di montagna. Tuttavia, Mosca respinse le pretese avanzate da Stepanakert e Yerevan. In aggiunta, Baku ritenne il referendum privo di basi legali, e in nome di questa illegittimità inviò le proprie truppe per riprendersi il Karabakh.
Migliaia di musulmani azeri dovettero fuggire dalla regione montuosa e, dopo anni di combattimento e oltre 30.000 vittime, venne infine raggiunta una tregua tra Armenia, Azerbaijan e la regione del Karabakh. Tuttavia, occorre ricordare che la Repubblica del Nagorno Karabakh non è riconosciuta dalle Nazioni Unite.

karab4
_Preoccupazioni
Gli analisti ritengono che le recenti schermaglie possano portare a un conflitto regionale ancora maggiore. Secondo Richard Weitz, analista militare dell’Hudson Institute, “l’interrogativo più preoccupante riguarda il coinvolgimento di altri Paesi. C’è la reale possibilità che la Turchia intervenga e una ancor più seria eventualità di un coinvolgimento russo, qualora la tensione sfociasse in una guerra aperta.”
Intanto, il Gruppo di Minsk dell’OCSE ha fissato per martedì 5 aprile un incontro a Vienna, in cui ambasciatori provenienti da Stati Uniti, Russia e Francia.

karab3
_Coinvolgimento russo 
Dopo le schermaglie di sabato, Mosca ha subito espresso la propria preoccupazione, invitando le due fazioni alla calma e al ripristino del cessate il fuoco. L’Armenia rappresenta infatti un partner strategico di Mosca nella regione caucasica. A sostenere Baku invece c’è la Turchia, con cui la Russia ha rapporti molto complicati, specialmente a partire dallo scorso autunno, quando Mosca è intervenuta in Siria. A deteriorare ulteriormente le relazioni Mosca-Ankara è stato l’abbattimento di un MIG da parte dell’esercito turco, convinto che il velivolo militare russo avesse invaso lo spazio areo della Turchia.
Nonostante il relativo isolamento internazionale, la Russia ha comunque dimostrato di perseguire i propri obiettivi sul piano globale e regionale. Oltre al recente coinvolgimento in Siria, la Russia deve gestire diverse situazioni spinose in cui il nocciolo della questione sono conflitti etnici: Ucraina, Cecenia, Georgia, Ossezia del Sud.
Il Nagorno Karabakh sarà l’ennesimo banco di prova per la politica estera di Mosca. Attendiamo di capire le sue mosse.

karab1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...